Kemay
io approdo
OKA. E' IN GIOCO LA VITA.
“Non sono più io a fare questo viaggio. È il viaggio, nella sua crudeltà infinita, a plasmare me. Senza nemmeno sapere in quale essere mi trasformerà, ormai non posso più fermarmi”.
Fabrizio Gatti
Scarica il flyer del gioco OKA

Dal momento in cui la tua pedina si muove sul tabellone, intuisci subito che c’è una forza che non puoi controllare che guiderà il tuo viaggio. Si chiama destino – o fortuna – ed è rappresentato da un grande dado che rotola. La carta che hai pescato delimita una storia che prima si trasforma in un passato e in un sogno, e piano crea il profilo di una persona. Sei tu, ma non hai più il tuo nome e tutte le esperienze che ti hanno portato a essere chi sei oggi.

Sei Abdoul, Fatoumata o Lucky. Sei un migrante – e lo sei per forza. Quello che stai per intraprendere non è un viaggio di piacere. È un’esigenza che ti costringe a muoverti per salvarti la vita. Non puoi stare fermo – stare fermo è peggio. Non puoi tornare indietro – nessuno torna indietro. Puoi solo andare avanti – anche se è follia, sottostare alle leggi del destino e alla crudeltà degli uomini. Vivrai? Approderai in un porto sicuro? Resterai un essere umano?

Sei pronto a lanciare il dado?
 

OKA. È in gioco la vita è un gioco di ruolo da tavolo ideato e creato dalla cooperativa Kemay e prende le mosse da fatti reali derivati dalla lettura di un libro-documentario e dall’esperienza delle operatrici che hanno pensato il gioco. Si basa su un tabellone in cui le caselle sono alcune tappe del viaggio che i migranti sono costretti a percorrere quando scelgono (per forza o per volontà) di lasciare la propria terra di origine.

OKA. È in gioco la vita è come un gioco dell’oca dove le pedine sono migranti realmente incontrati dalle operatrici della cooperativa, il dado l’elemento che determina il destino dei viaggiatori e le caselle la possibilità di vivere o morire.

KEMAY Cooperativa Sociale / C.F. e P.iva 03763780982 / Privacy Policy / Credits